Categorie
Aggiornamenti

Aifa: a breve disponibili monoclonali a domicilio

“Si stanno oggi valutando nuovi monoclonali diretti contro la proteina S, la stessa utilizzata per indurre risposta anticorpale con i vaccini, e in grado di neutralizzare con altissima efficacia il virus, bloccando l’infezione e non solo la malattia. Credo che presto avremo a disposizione monoclonali somministrabili per via sottocutanea o intramuscolare e in questo caso si potrà intervenire a casa del paziente, senza intasare ospedali e pronto soccorso”.

Queste le parole del presidente dell’Agenzia italiana del Farmaco (Aifa) Giorgio Palù, in audizione in Commissione Affari Costituzionali del Senato.

Uso emergenziale di anticorpi monoclonali

“Siamo ricorsi all’uso emergenziale di anticorpi monoclonali, farmaci per persone colpite dal virus nelle prime fasi dell’infezioni non oltre i primi 5 giorni da inizio dei sintomi a febbraio 2021″. All’epoca, ha detto in aggiunta Palù, “sono stati autorizzati quelli di diverse aziende e altri sono ancora oggetto di valutazione, ma questo impiego è stato limitato da inadeguatezza logistica, perché richiedono infusione endovena per un’ora e osservazione per un’ora e questo avviene quasi sempre in regime ospedaliero“.

Il presidente dell’Aifa ha poi posto l’accento su una questione: “L’Agenzia sta attualmente valutando anche due antivirali specifici. Uno è l’antivirale orale Molnupiravir e un altro è un inibitore della proteasi, per i quali abbiamo appena ricevuto il dossier”. “Ovviamente sarà importante studiare il dossier anche perché si è visto che per uno l’efficacia è diminuita rispetto a i documenti presentati in fase iniziale”.

Fonte: www.ansa.it

Condividi: