Categorie
Aggiornamenti

Bonus Mobilità, al vaglio le due possibilità

Il governo sta vagliando alcune possibilità utili per promuovere la mobilità alternativa nelle maggiori città italiane, con due opzioni per quello che è stato rinominato il Bonus Mobilità: il bonus rottamazione e il bonus bici.

La necessità è variare quella che è l’aggregazione sociale in Italia, garantendo le possibilità di mantenere la distanza. Il bonus bici farà parte di quella che si suppone sarà la prossima manovra. Sarà un bonus pari fino a 500 euro utili per coprire fino al 70% della spesa sostenuta, di cui le persone potranno usufruire entro il 31 dicembre 2020. Per ora l’offerta riguarda soprattutto le città con popolazione superiore ai 50mila abitanti.

Il secondo passaggio del Bonus Mobilità è dedicato a chi vive nelle zone più inquinate del paese. Si parla di un’agevolazione che potrà essere richiesta da chiunque rottami autovetture fino alla classe Euro 3 o motocicli fino alla classe Euro 2 ed Euro 3 a due tempi, ricevendo in cambio un bonus mobilità da 1.500 euro per ogni autovettura e 500 euro per ogni motociclo rottamati entro il 31 dicembre 2021 da utilizzare in tre anni per l’acquisto di abbonamenti al trasporto pubblico, biciclette, servizi di sharing. I due differenti tipi di bonus mobilità sono cumulabili.

Condividi: