Categorie
Aggiornamenti

Calzedonia e Intesa Sanpaolo, 11 mila capi intimi ai pazienti COVID-19

Intesa Sanpaolo in collaborazione con Calzedonia ha donato 11 mila indumenti intimi ai pazienti affetti da COVID-19 ricoverati in alcuni ospedali del Veneto e della Lombardia. Questi capi sono stati distribuiti gratuitamente e con urgenza affinché possano essere garantiti ai malati che non hanno alcuna possibilità di ricevere il cambio dalle famiglie bloccate in casa dalla quarantena.

Una parte degli indumenti è stata acquistata da Intesa Sanpaolo, un’altra donata dal Gruppo Calzedonia. Gli ospedali che hanno ricevuto la donazione sono: Papa Giovanni XXIII di Bergamo, Spedali Civili di Brescia, Ospedale di Cremona, di Oglio Po e Nuovo Robbiani di Soresina in provincia di Cremona, Azienda Ospedale – Università di Padova.

Intesa Sanpaolo a sostegno dei pazienti COVID-19

Intesa Sanpaolo ha deciso di sostenere i pazienti colpiti da coronavirus con il suo progetto “Golden Links: i legami sono oro“, nato due anni anni per sopperire alla mancanza di indumenti intimi da parte di famiglie e persone indigenti, e sviluppato attraverso la cooperazione con organizzazioni no-profit e aziende clienti della Banca, tra cui S-Nodi e Caritas Italiana.

Un progetto creato per far sì che la dignità umana non venga mai meno: in due anni sono stati distribuiti 114 mila indumenti e la donazione proseguirà nel 2020-21 per aiutare un numero sempre più alto di persone in difficoltà. Oltre alla distribuzione degli indumenti, Intesa Sanpaolo ha distribuito dal 2018 anche 8,7 milioni di pasti e 131 mila farmaci, e ha assicurato 519 mila posti letto.

Donazioni economiche

Il Gruppo Intesa Sanpaolo non smette di contribuire attivamente al contrasto del coronavirus, aiutando persone, imprese e territori. Risponde a questo intento la donazione di 100 milioni di euro a favore della sanità italiana attraverso la Protezione Civile e di un milione per la ricerca sul COVID-19 da parte del Fondo di Beneficenza; altre donazioni sono state organizzate sulla piattaforma forfunding.it. Per non parlare poi delle risorse creditizie messe a disposizione delle famiglie e delle imprese e della moratoria sui finanziamenti e i prestiti.

Fonte: www.adnkronos.com

Condividi: