Categorie
Aggiornamenti

Coronavirus, Armani converte stabilimenti per produrre camici

Dopo una donazione di 1 milione e 250mila euro a favore del sistema sanitario nazionale, Armani scende nuovamente in campo per fornire il suo contributo concreto nell’emergenza coronavirus. Lo fa annunciando la conversione di tutti i suoi stabilimenti italiani per produrre camici monouso per gli operatori sanitari che necessitano di materiale protettivo adeguato nella lotta quotidiana contro il COVID-19.

Donazioni per gli ospedali

Dopo aver stanziato fondi per la Protezione Civile e gli ospedali Luigi Sacco, San Raffaele e Istituto dei Tumori di Milano e dello Spallanzani di Roma, Giorgio Armani ha deciso di aiutare anche l’ospedale di Bergamo, Piacenza e della Versilia, donando in totale 2 milioni di euro.

In una lettera pubblicata su un numero notevole di quotidiani italiani, Armani ha voluto esprimere tutta la sua gratitudine nei confronti del personale sanitario impegnato in prima fila nella battaglia contro il coronavirus:

“È commovente vedervi impegnati nel vostro lavoro con le difficoltà e i grandi sforzi che ormai tutto il mondo conosce. E soprattutto vedervi piangere. Credo che questo sentimento si colleghi al mio desiderio di intraprendere la carriera di medico quando ero giovane e cercavo una mia strada. Tutta la Giorgio Armani è sensibile a questa realtà ed è vicina a tutti voi: dal barelliere all’infermiera, dai medici di base a tutti gli specialisti del settore. Vi sono personalmente vicino”.

Fonte: www.quifinanza.it

Condividi: