Categorie
Aggiornamenti

Coronavirus, la piccola Noemi chiama la polizia per ringraziarla

Una telefonata di una dolcezza inaudita quella che una bambina ha voluto fare alla Questura di Viterbo.

Polizia di Viterbo, operatore 23″. All’altro capo del telefono c’è lei, Noemi: “Buonasera, sono Noemi, una bambina, e volevo ringraziarvi con una lettera. Posso leggerla?”. Inizia così il discorso della piccola che dedica alcune righe agli agenti e ai medici impegnati in prima linea nell’emergenza coronavirus.

“Cari poliziotti, vi volevo dire che il vostro è un bellissimo e rischioso lavoro e vi state dando molto da fare soprattutto con questa emergenza del coronavirus. State passando di strada in strada a dire a tutti i cittadini di rimanere in casa anche se purtroppo alcune persone non rispettano le regole. Continuate a essere meravigliosi. Un grande grazie ai medici che anche loro stanno facendo un faticoso lavoro per cercare di salvare tante persone malate. Un grazie a tutti voi da Noemi. Vi voglio bene.”

La commozione nel corso della conversazione è stata palpabile e l’agente di polizia in servizio non ha potuto far altro che concluderla inviando alla piccola “un bacione forte forte”.

La risposta della Polizia di Stato

La Polizia di Stato ha voluto condividere l’audio della telefonata sul proprio profilo Facebook, aggiungendo queste parole:

“La saggezza della piccola Noemi che invita tutti a restare a casa. Ci uniamo al suo grazie a tutti i medici e agli infermieri impiegati nell’emergenza. Ai bambini che ci sono vicini con il loro affetto diciamo di giocare a casa. Presto potremo incontrarci nuovamente tutti in strada e potremo salutarci, abbracciarci e fare foto, passando ancora tanti bei momenti insieme”.

Contenuto bloccato: accettare utilizzo dei cookie e ricaricare la pagina per visualizzarlo
Il messaggio di Noemi

La saggezza della piccola Noemi che invita tutti a restare a casa. Ci uniamo al suo grazie a tutti i medici e agli infermieri impiegati nell’emergenza. Ai bambini che ci sono vicini con il loro affetto diciamo di giocare a casa. Presto potremo incontrarci nuovamente tutti in strada e potremo salutarci, abbracciarci e fare foto, passando ancora tanti bei momenti insieme.#grazieanomeditutti #iorestoacasa #lamiciziaèunacosaseria #essercisempre

Posted by Polizia di Stato on Saturday, March 21, 2020

Fonte: www.corrieredellumbria.corr.it

Condividi: