Categorie
Aggiornamenti

Coronavirus e donazioni, 1,5 milioni in tecnologie da Msd Italia

Msd Italia ha deciso di supportare le istituzioni italiane donando tecnologie e strumenti grazie ai quali monitorare, trattare e controllare i pazienti cronici da remoto per un valore totale di 1,5 milioni di euro.

A parlare è Nicoletta Luppi, presidente e amministratore di Msd Italia:

“Come ricordato dal presidente dell’Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro, se vogliamo che la curva dei contagi scenda dobbiamo fare in modo che le misure di distanziamento sociale funzionino anche grazie al supporto fondamentale che le nuove tecnologie di telemedicina e tecno-assistenza sono in grado di garantire grazie alla possibilità, per il paziente, di farsi curare da casa.

Msd Italia ha deciso di rispondere alla call for action del Governo con un atto di responsabilità sociale che è nel DNA della nostra azienda. Vogliamo offrire un contributo distintivo e coerente con le richieste del nostro Governo e annunceremo presto i primi soggetti istituzionali beneficiari della nostra donazione”.

Aiutare i pazienti da remoto

I sistemi di telemonitoraggio domiciliare devono consentire da un lato la gestione dei pazienti da remoto in modo ottimale, dall’altro di alleggerire gli ospedali che si occupano del trattamento dei pazienti più critici.

La donazione fino a 1,5 milioni di euro si inserisce nella mission del Gruppo Msd Italia al cui interno opera la società Vree Health: si tratta di un’impresa leader nella progettazione, nello sviluppo e nella vendita di servizi innovativi e soluzioni di Connected Health per far sì che la qualità della vita e della salute dei pazienti possa nettamente migliorare.

Fonte e video: www.adnkronos.com

Condividi: