Categorie
Aggiornamenti

Coronavirus e vaccino, test sui volontari funzionano

Nel Regno Unito 320 volontari di età compresa tra i 18 e i 55 anni sono stati sottoposti al vaccino contro il COVID-19. Gli esiti sono incoraggianti, per questo Oxford University e Jenner Institute hanno siglato l’accordo con l’azienda farmaceutica AstraZeneca per la produzione del vaccino (nome in codice ChAdOx1 nCoV-19).

“Vogliamo essere pronti con 100 milioni di dosi entro fine anno per poi ampliare”: a dare l’annuncio è Pascal Soriot, amministratore delegato di AstraZeneca. Nell’operazione è coinvolta anche l’azienda italiana Advent IRBM di Pomezia. I primi test sono stati effettuati lo scorso 23 aprile e si sono rivelati particolarmente positivi quelli sui volontari sani: gli effetti dell’immunizzazione sono stati definiti “affidabili e ben tollerati”.

I test stanno proseguendo e a giugno il vaccino sarà sperimentato su un campione di 5.000 soggetti. Piero Di Lorenzo, presidente di IRBM, ha dichiarato che “entro dicembre sarà pronto un vaccino anti-COVID da somministrare alle categorie più fragili. Per avere miliardi di dosi, e assicurare copertura alla popolazione saranno necessari tempi lunghi, ma l’ingresso della multinazionale farmaceutica accelera la capacità produttiva”.

Fonte: www.quotidiano.net

Condividi: