Categorie
Aggiornamenti

Coronavirus, secondo gli scienziati diventerà un raffreddore

L’invito è sempre quello di non abbassare la guardia, ma gli scienziati si dicono fiduciosi: stando alle cronache degli ultimi giorni, sembra che il virus stia regredendo, o comunque certamente cambiando rispetto al periodo iniziale dell’emergenza. A parlare è Massimo Clementi, direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Irccs Ospedale San Raffaele di Milano: “Se dalla trincea vedi il nemico che si ritira non hai ancora vinto la guerra, ma qualcosa sta accadendo”.

Mentre a inizio marzo le terapie intensive erano piene di malati affetti da insufficienza respiratoria e polmoniti, e che quindi richiedevano la ventilazione assistita, oggi la situazione sta cambiando: “Vedevamo purtroppo tanti decessi. Ora queste situazioni sono sempre più rare, come confermano i dati della Protezione Civile“.

“Ora noi dobbiamo mantenere rigore nei comportamenti, distanziarci, ma all’interno di questa cornice possiamo guardare con fiducia al futuro. Sarà utile vaccinarsi in autunno contro l’influenza, volendo essere bravi servirebbe anche la vaccinazione anti-pneumococcica. Se poi mi chiedono quando finirà, questo non posso dirlo. Ma un certo ottimismo possiamo coltivarlo: in luglio-agosto si potrebbe pensare a una epidemia ridotta al minimo, questo sarebbe veramente un bel risultato; perché questo accada però ci vuole cautela nei nostri comportamenti”.

Il virus si sta indebolendo

A differenza dei primissimi giorni, il coronavirus sembra essere meno potente. Lo ha spiegato Massimo Ciccozzi, epidemiologo dell’Università Campus Bio-Medico di Roma.

Secondo la virologa Ilaria Capua potrebbe evolversi in raffreddore umano e, in teoria, se le cose dovessero procedere in questo modo, non dovrebbe essere nemmeno necessario un vaccino nell’immediato. Per quanto attualmente non si possa ancora parlare di immunità di gregge e il coronavirus non sia affatto un raffreddore, i dati sembrano però testimoniare quanto il virus si stia indebolendo.

Fonte: www.quotidiano.net

Condividi: