Categorie
Aggiornamenti

Coronavirus, kit di analisi per individuare varianti

A fine febbraio tutto il mondo potrebbe avere a disposizione il primo kit di analisi rapida per individuare le varianti di coronavirus, uno strumento utile per capire meglio come difendersi e contro quale variante del SARS-CoV-2 nello specifico. Questo kit risponde ai programmi di sequenziamento richiesti di recente dall’Oms.

Strumenti attuali non compatibili con l’emergenza

Attualmente gli strumenti disponibili per poter sequenziare il materiale genetico delle mutazioni hanno costi e tempi non compatibili con la situazione emergenziale che stiamo vivendo.

In merito agli ultimi aggiornamenti sui test per l’identificazione di una variante Covid si è espresso il virologo dell’Università di Milano Bicocca e direttore del laboratorio Cerba di Milano: “Il test che è attualmente il gold standard per identificare la presenza di una variante in un tampone positivo è il sequenziamento genetico basato sul metodo Sanger. Permette di identificare le mutazioni già descritte nella variante, o anche nuove mutazioni“.

Il test, come ha spiegato il virologo, è “raccomandato dal ministero della Salute nel caso dei tamponi positivi nei quali si sospetti la presenza di una variante”, per esempio nel caso in cui ci si infetti anche dopo aver ricevuto il vaccino. “Il documento del ministero, dell’8 gennaio scorso, invita inoltre a eseguire in modo tempestivo, ma questo è tutt’altro che facile nei laboratori, pubblici o privati che siano”, ha sottolineato Broccolo. Incidono notevolmente i tempi, almeno un giorno, e i costi del sequenziamento classico, che si aggirano tra 100 e 200 euro.

Vantaggi del nuovo kit

“Questo metodo permetterà di fare test con un costo 5-10 inferiore in sole due ore circa utilizzando nella maggior parte dei casi la stessa strumentazione che i laboratori utilizzano attualmente per i tamponi molecolari mediante Pcr”. Nel frattempo i tamponi classici che analizzavano la proteina Spike sono stati aboliti poiché non propriamente capaci di individuare le varianti.

Fonte: www.ansa.it

Condividi: