Categorie
Aggiornamenti

Coronavirus, test salivari con esiti rapidi

I test salivari (o antigenici) sono in uso all’aeroporto di Fiumicino dal 16 agosto per esaminare i passeggeri provenienti da Spagna, Grecia, Croazia e Malta. Questa tipologia di test può rivoluzionare il nostro modo di convivere col coronavirus.

Hanno un costo inferiore rispetto ai classici tamponi molecolari, sono affidabili fino all’85% e consentono di sapere se si è positivi al Covid-19 in tempi molto rapidi. Per ottenere i risultati non serve un’analisi in laboratorio: basta eseguire un tampone prelevando materiale oro-faringeo o saliva e in 30 minuti arriva il risultato.

Secondo Massimo Galli, infettivologo dell’Ospedale Sacco di Milano, “sono il futuro”: grazie a questi test “tutto sarà più veloce e meno gravoso dal punto di vista organizzativo per le Regioni”. “Sarebbe assolutamente utile poter usare questo tampone rapido nei pronto soccorso, nelle scuole, nella grande distribuzione, lì dove c’è grande affluenz”, sostiene Francesco Vaia, direttore sanitario dello Spallanzano di Roma a cui è stata affidata la validazione dei test antigenici.

Test per sapere se si è positivi al Covid

Esistono tre tipologie di test.

  • Test molecolari: rilevano il materiale genetico del virus, sono i più sicuri ma per essere analizzati occorrono dei costosi laboratori di virologia; i risultati arrivano entro 1-2 giorni.
  • Test sierologici: individuano gli anticorpi contro il coronavirus presenti nel sangue; possono diagnosticare che è in corso un’infezione o la presenza di una risposta immunitaria in seguito a una precedente infezione. Anche per questi test è necessaria un’analisi approfondita e i tempi non sono brevi.
  • Test antigenici: rilevano le proteine virali (chiamate antigeni) nelle secrezioni respiratorie. Il risultato arriva in tempi rapidi e per l’analisi non devono essere usati macchinari di laboratorio. “La disponibilità di questi test dopo opportuna validazione potrà rappresentare un essenziale contributo nel controllo della trasmissione di SARS-CoV-2″.

Fonte: www.ilfattoquotidiano.it

Condividi: