Categorie
Aggiornamenti

Coronavirus, Costa Crociere dona 7 tonnellate di cibo

Tra i tanti settori ad aver risentito maggiormente dell’emergenza coronavirus c’è sicuramente quello del turismo. Nonostante lo stop di questi ultimi mesi, i messaggi di speranza e di ripresa non tardano ad arrivare.

Tra questi è presente anche quello di Costa Crociere, che in questi giorni ha offerto 7 tonnellate di cibo al Comune di Taranto. Grazie a questa donazione potranno essere aiutare le persone maggiormente colpite dagli effetti economici e sociali dell’emergenza Covid-19.

L’omaggio della compagnia di navigazione è quindi un gesto simbolico per ringraziare Taranto per l’ospitalità offerta dalla nave Costa Favolosa, ormeggiata nel porto della città dei due mari dal 24 aprile per un periodo di quarantena.

Pasta, latte, pane, affettati, formaggi e altri beni di prima necessità saranno distribuiti alle mense e alle strutture caritative della città.

In seguito alla decisione della compagnia di sospendere le sue crociere, è stato deciso di dare via a un’iniziativa che consente il recupero e il riutilizzo per fini sociali delle eccedenze alimentari.

L’aiuto di Costa Crociere

Come ricordato da Neil Palomba, direttore generale di Costa Crociere, anche se l’emergenza sanitaria si è progressivamente attenuata, è importante non dimenticare le persone che hanno subito gli effetti più duri di questa situazione sia da un punto di vista economico che sociale. Proprio per questo motivo, nonostante la compagnia abbia sospeso le crociere, è stato deciso di continuare a fornire il proprio sostegno, con modalità diverse da prima ma sempre con l’obiettivo di aiutare chi si trova in difficoltà mettendo a disposizione le risorse a beneficio dei porti e delle città che hanno accolto le navi della compagnia.

Presente ad uno degli sbarchi anche l’assessore ai Servizi Sociali Gabriella Ficocelli, che ha ricordato come Taranto sia da sempre legata al suo mare, dal quale questa volta arriva un importante regalo.

Fonte e foto: www.puglia.com

Condividi: