Categorie
Aggiornamenti

Covid più cattivo con anziani, scoperto il motivo nel DNA

Come mai il Covid è più pericoloso per gli anziani? La causa di questa sua cattiveria più evidente nei confronti della fascia meno giovane della popolazione potrebbe risiedere nell’invecchiamento cellulare, il cui segnale tipico è l’accorciamento delle terminazioni dei cromosomi, chiamati “telomeri”: questo invecchiamento cellulare si combina a un aumento della concentrazione del recettore ACE2 usato dal virus SARS-CoV-2 per infettare le persone.

La scoperta è il frutto di uno studio italiano condotto da Fabrizio d’Adda di Fagagna dell’IFOM – The FIRC Institute of Molecular Oncology, a Milano e dell’Istituto di Genetica Molecolare, Consiglio Nazionale delle Ricerche, a Pavia in un lavoro pubblicato sulla rivista EMBO Reports.

Accorciamento dei telomeri

Quando si parla di telomeri si fa riferimento a dei cappucci protettivi che chiudono i cromosomi, come i pezzetti di plastica sati alle estremità dei lacci per non farli sfrangiare. In seguito all’invecchiamento, i telomeri si accorciano e questo fa sì che il DNA venga danneggiato. Più i telomeri sono corti, più l’età biologica di una persona è alta.

Dallo studio emerge che più i telomeri si accorciano, più aumenta la presenza di ACE2 sulle cellule dei polmoni. Attraverso una serie di esperimenti è stato anche possibile constatare che sulla produzione di ACE2 influiscono i segnali cellulari che denotano la presenza di DNA danneggiato: se questi campanelli d’allarme cellulari vengono interrotti, sulle cellule si riduce anche la quantità di ACE2.

Questo cosa significa nello specifico? Che i telomeri da soli non influenzano la concentrazione di ACE2, ma sono responsabili dei danni a livello genetico.

Sviluppo di nuove terapie

Grazie a questo studio è possibile creare terapie mirate per proteggere gli anziani, ma è necessario compiere studi ulteriori al fine di comprendere se ridurre ACE2 porta a diminuire anche il rischio di infezione da Covid-19. Saranno quindi necessarie altre ricerche.

Fonte: www.ansa.it

Condividi: