Categorie
Aggiornamenti

Decreto #iorestoacasa, linee guida per gli spostamenti

L’8 marzo il Presidente del Consiglio ha varato il Decreto #iorestoacasa per arginare il più possibile la diffusione del coronavirus. All’interno del documento sono elencate tutte le misure aggiornate che ogni cittadino è chiamato a rispettare fino al 3 aprile. Ecco le linee guida per gli spostamenti durante questa fase di quarantena nazionale.

Domande frequenti

  • Cosa significa “evitare ogni spostamento delle persone fisiche”? Posso uscire per andare a lavorare o per motivi sanitari? La regola è quella di evitare di uscire di casa. Si può uscire solo per motivi strettamente necessari: lavoro, salute o altri, come ad esempio l’acquisto di beni di prima necessità. Si consiglia di lavorare a distanza (smart working ove possibile) o prendere ferie o congedi. Ogni spostamento deve essere provato mediante autodichiarazione: il modulo, già in dotazione alle forze di polizia locali e statali e scaricabile qui, deve essere compilato, per poi essere controllato. La non veridicità delle informazioni inserite costituisce reato.
  • Si può spostare chi è in quarantena per sospetto o accertato contagio? Assolutamente no. Chi è sottoposto alla quarantena o risulta positivo al virus ha il divieto di uscire di casa.
  • Posso andare in altri comuni? Assolutamente no, fatta eccezione per situazioni di necessità, come esigenze lavorative. Ci si può spostare da un comune all’altro se si lavora in una città e si vive in un’altra. In questi casi è sempre bene portare con sé l’autocertificazione.
  • Posso andare a fare la spesa? Sì, ma solo una persona per famiglia. I commercianti sono tenuti a rispettare misure di sicurezza specifiche: nell’esercizio può entrare solo un certo numero di persone e queste devono mantenere la distanza di un metro l’una dall’altra. In ogni caso i centri commerciali e i supermercati restano chiusi il sabato e la domenica.
  • I generi alimentari saranno sempre garantiti? Sì, per questo non è necessario fare corse per accaparrarseli.
  • Posso uscire di casa se ho sintomi da infezione respiratoria e febbre superiore a 37,5? Meglio evitare. Si raccomanda fortemente di restare a casa, chiamare il proprio medico e limitare il più possibile il contatto con altre persone.
  • Posso uscire per andare a comprare beni diversi da quelli alimentari? Sì, ma solo se rientrano nelle categorie previste dal decreto. Tutti i prodotti di questa lista puoi consultarli cliccando su questo link (allegato 1 e 2).
Decreto #iorestoacasa, quali sono i beni di prima necessità
Decreto #iorestoacasa, quali sono i beni di prima necessità
  • Posso fare attività motoria all’aperto? Sì, l’attività motoria all’aperto è consentita purché non in gruppo. Sono sempre vietati gli assembramenti.
  • Posso raggiungere la mia casa di vacanza, in assenza di residenza o domicilio? No, gli unici spostamenti consentiti sono quelli indicati in precedenza, e quindi lavoro, salute, situazioni di necessità o rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
  • Posso uscire di casa per andare ad assistere i miei cari anziani non autosufficienti? Sì, perché questa è una condizione di necessità. Occorre però ricordare che gli anziani sono i soggetti più vulnerabili, quindi cerca di proteggerli dal contagio il più possibile.
  • Posso andare a mangiare dai parenti? Questo non è uno spostamento necessario. La logica del decreto è quella di stare il più possibile nella propria abitazione per evitare che il contagio si diffonda.
  • Posso uscire per andare a fare una passeggiata con i bambini? Sì, ma solo in luoghi in cui non c’è assembramento. Bisogna sempre evitare situazioni in cui possa crearsi un raggruppamento non familiare (cioè non di persone che vivono già nella medesima abitazione).
  • Posso uscire di casa per gettare i rifiuti? Certo che sì. Allo stesso modo proseguono le attività di raccolta, gestione e smaltimento dei rifiuti.
  • Posso uscire col mio animale domestico? Sì, per le sue esigenze fisiologiche, ma stando bene attento ad evitare assembramenti. In caso di urgenze, puoi anche recarti dal veterinario; i controlli di routine, invece, devono essere rinviati.
  • Posso andare a messa? Messe e altre funzioni religiose al momento sono sospese.
  • Qual è la situazione per asili, scuole e università? Resteranno chiuse sino al 3 aprile.
  • E per i luoghi di ritrovo come pub, cinema, palestre, piscine, discoteche, musei e biblioteche? È tutto chiuso.
  • Posso frequentare luoghi come bar, gelaterie, ristoranti? Queste attività possono rimanere aperte dalle ore 6:00 alle ore 18:00 nel rispetto della distanza di un metro tra i clienti. Per quanto concerne i ristoranti nello specifico, funzionano solo quelli che garantiscono la consegna a domicilio.
  • Posso uscire di casa per andare in farmacia? Sì, sempre se strettamente necessario. Ad ogni modo farmacie e parafarmacie sono aperte normalmente.
  • Posso spostarmi in bicicletta? La bici può essere usata solo per raggiungere la sede di lavoro o la propria abitazione, nonché i negozi di prima necessità.

Fonte: www.governo.it

Condividi: