Categorie
Aggiornamenti

Ema su vaccino Johnson & Johnson: ok booster e terza dose eterologa

Nelle persone di età pari o superiore a 18 anni, a due mesi di distanza dalla prima dose può essere inoculata la dose booster del vaccino Johnson & Johnson. A questa conclusione è giunto il Comitato per i medicinali a uso umano dell’Agenzia europea del farmaco Ema. La raccomandazione è frutto dei dati che mostrano come un richiamo del vaccino J&J ad almeno 2 mesi di distanza dalla prima dose negli adulti ha fatto aumentare gli anticorpi contro il SARS-CoV-2.

“Il rischio di trombosi in combinazione con trombocitopenia (Tts) o altri effetti collaterali molto rari dopo un richiamo non è noto e viene attentamente monitorato”, aggiunge l’ente nella nota contenente la raccomandazione. Come avviene per tutti i medicinali, l’Ema assicura che continuerà “a esaminare tutti i dati sulla sicurezza e l’efficacia del vaccino Janssen”.

Raccomandazioni dell’Ema

A livello nazionale, puntualizza l’Agenzia, gli organismi di sanità pubblica “possono emettere raccomandazioni ufficiali” sull’uso dei booster dopo una dose di vaccino J&J o di due dosi di vaccini a mRna (l’Ema ha anche affermato che una terza dose del vaccino J&J può essere somministrata dopo le due di vaccino a mRna), “tenendo conto della situazione epidemiologica locale, della disponibilità di vaccini, dei dati di efficacia e di quelli di sicurezza limitati per la dose di richiamo”.

“L’Ema continuerà a lavorare a stretto contatto con le autorità nazionali e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) per valutare i dati disponibili e fornire raccomandazioni per proteggere il pubblico durante la pandemia in corso”.

Dose eterologa con vaccino J&J

L’Ema ha affermato che “una dose di richiamo con il vaccino anti-Covid di Johnson & Johnson (sviluppato da Janssen) può essere somministrata dopo le 2 dosi di uno dei vaccini mRna autorizzati nell’Ue”, cioè Pfizer o Moderna.

Fonte: ww.adnkronos.com

Condividi: