Categorie
Aggiornamenti

Pfizer, richiesta all’Ema: vaccino per fascia 12-15 anni a giugno

La campagna vaccinale contro il Covid-19 sta proseguendo, ma è chiaro che occorre includere anche le fasce d’età più giovani, non così immuni al virus come inizialmente si tendeva a pensare. Risulta infatti necessario somministrare le dosi del vaccino anche agli adolescenti: a questo ha pensato l’azienda farmaceutica BioNTech, annunciando che dal mese di giugno 2021 in Germania il vaccino sviluppato in collaborazione con Pfizer sarà disponibile anche per la fascia 12-15 anni di età.

Vaccino anche per gli adolescenti

Durante un’intervista per un noto settimanale tedesco si è espresso in merito Ugur Sahin, l’amministratore dell’azienda farmaceutica tedesca BioNTech. Stando alle dichiarazioni, Pfizer sarebbe “nella fase finale” della preparazione della richiesta di approvazione da presentare all’Ema. Per la valutazione ci vorranno circa 4-6 settimane: questo significa che gli adolescenti potranno iniziare ad essere vaccinati già a partire da giugno 2021.

Sperimentazioni di BioNTech

BioNTech ha condotto uno studio su un campione di soggetti dai 12 anni in su. Dai dati emersi è stato possibile evincere che il vaccino Pfizer ha un’efficacia del 100% ed è ben tollerato dalla fascia d’età in questione (12-15 anni).

Si tratta di dati importanti, soprattutto considerando il fatto che non era così scontato che gli effetti potessero essere simili su adulti e bambini, avendo caratteristiche differenti e bisogno di quantità di vaccino diverse.

Ai bambini deve essere inoculata una dose di farmaco più bassa rispetto a quella somministrata a un adulto; se i bambini dovessero essere molto piccoli, si potrebbe addirittura aver bisogno di un decimo del principio attivo destinato normalmente alle persone adulte.

Cosa ha dichiarato il Ministro della Salute tedesco

La notizia dei vaccini per gli adolescenti è stata accolta con entusiasmo dalla Germania, richiedendo il commento del Ministro della Salute tedesco Jen Spahn: “I bambini sopra i 12 anni potranno essere vaccinati al più tardi nelle ferie estive”.

Qualora, infatti, la situazione dovesse mantenersi stabile e tutto dovesse procedere nella norma, la nuova campagna vaccinale potrà partire una volta ricevute le doverose autorizzazioni da parte dell’Ema. Riguardo alla questione, poi, il politico ha anche aggiunto: “Vediamo come fra i 6 e i 20 anni ci sia adesso uno sviluppo iperproporzionale della malattia. Vaccinare i bambini potrebbe fare un’importante differenza”.

Fonte: www.notizie.it

Condividi: