Categorie
Aggiornamenti

Rsa, vaccino funziona: “In calo contagi e morti”

Gli effetti del vaccino iniziano ad essere palpabili, lo dimostra il calo di casi di contagio e decessi nelle Rsa. Questo è quello che emerge dal report sulle residenze sanitarie assistenziali realizzato dall’Istituto superiore di Sanità in collaborazione con il Ministero della Salute, l’Ars Toscana e il Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale:

“Nelle strutture residenziali si iniziano a vedere i primi effetti delle vaccinazioni anti Covid-19, con un calo sia dell’incidenza della malattia fra i residenti e gli operatori, sia nel numero di residenti isolati, sia, anche se in misura ancora minore, nei decessi”.

I risultati della sorveglianza

Alla sorveglianza hanno partecipato 833 strutture, per un totale di 30.617 posti letto disponibili, dal 5 ottobre 2020 al 14 marzo 2021. Di queste 345 erano strutture residenziali per anziani non autosufficienti, per un totale di 15.398 posti letto.

Stando a quanto constatato, l’incidenza settimanale di Covid-19 inizia a ridursi dopo l’inizio della campagna vaccinale, e quindi tra l’ultima settimana di febbraio e le prime settimane di marzo: un dato che contrasta con l’andamento dell’epidemia nella popolazione generale. Questa riduzione riguarda i nuovi casi di contagio sia tra i pazienti sia tra gli operatori sanitari: ricordiamo che entrambi hanno ricevuto il vaccino con accesso prioritario.

Per quanto concerne i decessi, rispetto al picco di 1,3% del mese di novembre 2020, si registra un calo tra la fine di gennaio e marzo 2021: nell’ultima settimana di monitoraggio la percentuale di decessi è stata dello 0,8% dei residenti non autosufficienti delle Rsa e dello 0,5% per tutte le strutture.

Fonte: www.adnkronos.com

Condividi: