Categorie
Aggiornamenti

Terza dose vaccino, perché è importante

Il fatto che la terza dose del vaccino anti-Covid sia importante è stato sottolineato da Sergio Abrignani, immunologo del Comitato tecnico scientifico nel corso di un’intervista.

Per quanto riguarda la terza dose alle persone di età inferiore ai 60 anni, ha affermato: “Non è una decisione straordinaria, nel mondo della vaccinologia la terza dose distanziata dalle prime due, per persone che non hanno mai visto un certo microrganismo, è la normalità. Il nostro sistema immunitario, come in questo caso, può aver bisogno di questa stimolazione per innescare una memoria di lungo termine che consenta di fare altri richiami non prima di 5-10 anni“.

Terza dose in Francia

In Francia l’annuncio della terza dose per gli over 50 a inizio dicembre è stato fatto dal presidente Emmanuel Macron. Per le persone di 65 anni di età e oltre, la terza dose dovrà essere invece somministrata obbligatoriamente per avere il Green pass a partire dalla metà di dicembre. “Vaccinatevi, prenotate ora l’appuntamento!”, ha esortato Macron rivolgendosi ai suoi cittadini.

Pfizer agli over 18

Intanto Pfizer ha depositato la richiesta alla Food and Drug Administration per inserire nella somministrazione della terza dose del suo vaccino tutti gli adulti dai 18 anni in poi.

Lo hanno comunicato Pfizer e BioNTech in un nota. Una dose di richiamo del vaccino Pfizer-BioNTech Covid-19 è attualmente autorizzata dalla Fda in caso di emergenza dopo aver completato una serie primaria di vaccinazioni in:

  • persone di età pari o superiore a 65 anni,
  • persone tra i 18 e i 64 anni ad alto rischio di Covid-19 grave
  • persone tra i 18 e i 64 anni di età maggiormente esponenti (per motivi istituzionali o lavorativi) a SARS-CoV-2
  • persone che hanno completato la vaccinazione primaria con un diverso vaccino Covid-19 autorizzato.

Fonte: www.adnkronos.com

Condividi: