Categorie
Aggiornamenti

Vaccino AstraZeneca: USA donerà 60 milioni di dosi

“Gli Usa distribuiranno 60 milioni di dosi di vaccino AstraZeneca ad altri Paesi non appena diventeranno disponibili”: questo è il testo di un tweet pubblicato da Andy Slavitt, uno dei dirigenti della task force della Casa Bianca contro il Covid-19.

Milioni di dosi di vaccino AstraZeneca sono conservate in magazzino e non sono state ancora usate perché la richiesta di autorizzazione non è stata ancora accolta dalla Food and Drug Administration. I leader di numerosi Paesi hanno chiesto, così, a Biden di condividere i sieri e il presidente dell’America ha risposto affermativamente poiché convinto che le dosi a disposizione siano sufficienti a vaccinare tutta la popolazione americana anche senza il vaccino AstraZeneca.

Condivisione dei vaccini

Finora gli Stati Uniti hanno condiviso solo una piccola parte dei vaccini prodotti nel Paese. 4 milioni di dosi saranno inviati a Messico e Canada, ma per il resto del mondo è fondamentale che anche l’America contribuisca alle campagne vaccinali altrui, condividendo le dosi in eccedenza.

Le dosi di vaccino AstraZeneca saranno donate dal governo degli Stati Uniti, che con l’azienda ha stipulato un contratto per un totale di 300 milioni di dosi.

Campagna vaccinale negli Stati Uniti

Negli Stati Uniti è stato vaccinato più del 35% della popolazione adulta con almeno una dose de tre vaccini che hanno ottenuto l’autorizzazione (Moderna, Pfizer e Johnson & Johnson). Tutte le persone saranno vaccinate entro l’inizio dell’estate.

Per quanto riguarda, invece, la produzione del vaccino AstraZeneca, sono stati realizzati già 10 milioni di dosi, sebbene debbano ancora ottenere l’approvazione della Fda. Il vaccino in questione deve “soddisfare i requisiti di qualità del prodotto“: il processo di revisione potrebbe giungere al termine nelle prossime settimane. In più dovrebbero essere stati prodotti circa 50 milioni di dosi, disponibili ad essere spediti a maggio e giugno in attesa della decisione della Fda.

Fonte: www.huffingtonpost.it

Condividi: